www.comune.trevignano.tv.it
Comune di Trevignano
Provincia di Treviso

home   >   Servizi   >  Famiglie   >  PROGETTO "A PASSO CON I TEMPI"

Servizi - PROGETTO "A PASSO CON I TEMPI"



progetto "AL PASSO CON I TEMPI"

"AL PASSO CON I TEMPI"
PROGETTO PER LA CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO

SCHEMA SINTETICO - FASI E TEMPI


Descizione dettagliata del Progetto

DURATA: da gennaio 2013

ASSESSORATI COINVOLTI: Assessorato alle Politiche Giovanili e Partecipazione, Assessorato Politiche Familiari e Assessorato all'Istruzione e Pari Opportunità

INTRO: grazie ad un finanziamento regionale, e con la partnership tecnica della Cooperativa Il Sestante, il Comune di Trevignano ha dato il via ad un progetto che vuole coinvolgere le famiglie per definire bisogni da cui partire per lavorare sul tema della conciliazione. Le azioni individuate andranno a migliorare la gestione di alcune situazioni critiche che le famiglie incontrano quotidianamente nell'armonizzare le esigenze dei propri componenti.

OBIETTIVI:

- favorire il coordinamento di realtà/soggetti già attivi nel territorio rispetto al tema della conciliazione tra la vita lavorativa e la vita privata delle famiglie
- promuovere nel territorio azioni che, a partire dal riconoscimento dei bisogni delle famiglie, possano rispondere a questi in ottica relazionale tra ente pubblico, associazioni, terzo settore e cittadini;
- favorire il raccordo tra interventi di politiche familiari, di sviluppo di comunità e di pari opportunità a partire dal coinvolgimento dei diversi assessorati.

FASI:

Fase 1 - Presentazione del progetto ai soggetti del territorio
Il progetto è stato presentato alle diverse realtà attive del territorio a gennaio 2013. Sono state invitate quelle istituzioni, associazioni, enti, gruppi del territorio che, attraverso il loro operato, danno sostegno e aiuto diretto o indiretto alla famiglia. Sono state incontrate 50 persone a rappresentanza delle varie associazioni e realtà territoriali.

Fase 2 - Emersione e definizione dei bisogni delle famiglie
Abbiamo incontrato piccoli gruppi di genitori suddivisi in base alla fascia d'età dei figli (0-3, 3-6, 6-10 e 11-13), i quali hanno condiviso le difficoltà e i problemi che incontrano quotidianamente o ciclicamente nella gestione dei tempi familiari e lavorativi. Per l'organizzazione e convocazione dei Gruppi Focus (interviste di gruppo) l'equipe operativa ha utilizzato i seguenti criteri di omogeneità:
1. rappresentanza delle frazioni/territorialità,
2. fascia d'età dei figli,

Si sono quindi svolti 8 incontri Gruppi Focus appoggiandosi, per la loro convocazione, ai seguenti soggetti:

Fascia d'età Soggetti collaboratori
0-3 anni Nido Musano
3-6 anni Scuole dell'infanzia
6-10 anni Scuola primaria Musano
Scuola primaria Trevignano
Scuola primaria Signoressa
Scuola primaria Falzè
11-14 anni Caro Libro
11-14 anni Famiglie Pixel


In 8 incontri con gruppi di famiglie, i nuclei incontrati ed intervistati sono stati 55. Nelle interviste Focus sono emerse molte problematiche che sono state successivamente priorizzate nella Fase 3.

Fase 3 - Definizioni delle aree d'interesse prioritarie
In un incontro generale (incontro Philips) a cui sono state convocate tutte le famiglie intervistate nei focus, sono state discusse e scelte le aree problematiche definite come prioritarie per le 23 famiglie presenti.
La discussione partiva da un elenco di problemi, dal quale le famiglie partecipanti hanno estrapolato i problemi prioritari sui quali si sarebbero attivati dei gruppi di lavoro.
Nell'allegato 1 si trova la lista dei problemi utilizzata, affiancata alla fascia d'età dei figli a cui questi facevano maggiormente riferimento.

La scelta di priorità condivise ha portato alla costituzione di 4 gruppi di lavoro, sulle seguenti aree:
• Periodo Estivo: Centri Estivi ed altre proposte per una maggiore copertura e qualità
• Organizzazione dei tempi di entrata e uscita delle scuole. Copertura pomeridiana
• Spazi di ritrovo per famiglie
• Mensa scolastica. Qualità, gestione, costi.

Fase 4 - Attivazione dei gruppi di lavoro
Ogni gruppo di lavoro si è riunito per immaginare ed elaborare delle prime proposte di soluzione utili ad affrontare i problemi individuati, per ciascuna di queste proposte si sono condotte delle analisi e di approfondimento al fine di valutarne gli aspetti positivi e di debolezza nel contesto locale
I quattro gruppi di lavoro attivati si sono trovati due volte per cercare di analizzare le aree problematiche specifiche, raccogliere dati utili, elaborare delle possibili direzioni per una loro risoluzione. L'obiettivo del lavoro svolto era quello di predisporre degli ipotetici scenari di intervento da proporre all'Amministrazione nella successiva fase di negoziazione.
Le famiglie attive nei gruppi di lavoro sono state 14.

Fase 5 - Negoziazione
I gruppi di lavoro e l'Amministrazione nelle figure degli Assessori e dei Tecnici si sono confrontati sulle proposte di soluzione e insieme hanno negoziato un percorso di collaborazione per la realizzazione di alcune azioni con il coinvolgimento di altri attori locali quali la scuola, le associazioni, ecc.
In questa fase a giugno 2013 si sono svolti due incontri che hanno coinvolto le Famiglie del Progetto (sia attive nei gruppi di lavoro che no) e l'Amministrazione Comunale (negli assessori, consiglieri delegati e tecnici comunali di riferimento per le aree problematiche).
I gruppi di lavoro hanno presentato i loro scenari di soluzione all'Amministrazione e, dopo una riflessione e un confronto su aspetti positivi e nodi critici da considerare, si sono definite per ciascuna area delle proposte su cui cominciare a progettare operativamente.

Ciascuna Area, con le rispettive proposte operative, verrà presa in mano dal Gruppo di Lavoro di riferimento (cioè i gruppi di lavoro attivi nella Fase 4), allargato alle figure tecniche competenti del Comune di Trevignano. Per ciascuna proposta operativa, per la sua progettazione e realizzazione verranno convocati ad ho quei soggetti territoriali (scuola, parrocchie, associazioni) direttamente coinvolti nelle proposte.

Di seguito si riportano le proposte condivise nel secondo incontro di negoziazione:

1. Periodo Estivo: Centri Estivi ed altre proposte per una maggiore copertura e qualità
o costruire i criteri di osservazione dei CE che poi saranno la base per le proposte successive - lo stesso gruppo deve curare l'osservazione e la riprogettazione del CE a garanzia della riuscita nel mese di luglio 2013
o capire attraverso questionario chi vuole usufruire dei servizi in tempi altri (in agosto) tra le famiglie che usufruiscono quest'anno (2013) dei CE nel mese di luglio 2013
o valutare seguito in agosto e in settembre (2013?)


2. Organizzazione dei tempi di entrata e uscita delle scuole. Copertura pomeridiana
o fare promozione e curare il sito comunale: dedicare una sezione del sito (vedi anche proposta dell'Area 2) alle famiglie in cui inserire info ad esempio su scuole materne (orari), accesso agli spazi, ecc. . Per la promozione del progetto e dei gruppi che continuano a lavorare ricontattare le famiglie che abbiamo già incontrato fin dall'inizio del progetto; è altrettanto importante poi la spinta a partecipare attraverso il passaparola tra famiglie che invitano altre famiglie.
o come da proposta cercare di valutare la fattibilità e organizzare pomeriggi per alunni e studenti dell'Istituto comprensivo (elementari-medie)
o lavorare per il prolungamento pomeriggio (16-18) ad altre scuole materne parrocchiali
o predisposizione del percorso per la creazione di una lista baby sitter accessibile dal sito del Comune


3. Spazi di ritrovo per famiglie
o fare una mappa a misura di famiglia con indicati gli spazi verdi, l'uso possibile e i nomi referenti. Accorparla anche con le altre info che riguardano le famiglie in una pagina web dedicata, linkabile dal sito comunale.
o incontrare le varie associazioni e le parrocchie che hanno spazi per provare a capire se si possono usufruire da parte delle famiglie.
o incontrare dirigente lavori pubblici, o chi per lui, per capire modalità e proposte possibili per la manutenzione delle aree verdi e organizzazione giornata della manutenzione. Incontro propedeutico alle proposte specifiche


4. Mensa scolastica. Qualità, gestione, costi.
o indicazioni in generale rivolte all'amministrazione e alla commissione
o l'amministrazione stimola la scuola nella relazione con i genitori per il lavoro della commissione (controllo, ecc.) e nella diffusione delle informazioni
o la mensa andrà ad essere valutata per l'anno 2014-15 con la strutturazione dei pomeriggi >> da valutare con la scuola

Fase 6 - Avvio ed implementazione delle azioni scelte <<< NOI SIAMO QUI >>>
I gruppi di lavoro continuano il percorso entrando nella progettazione operativa delle azioni concordate nella Fase 5. In questa fase i gruppi evolvono strutturandosi come gruppi misti tra Famiglie del Progetto, Tecnici Comunali referenti per le tipologie di azioni, soggetti del territorio coinvolti dalle azioni (Scuola, Parrocchie, Associazioni territoriali)


 

Fase 7 - Definizione piano

Sottoscrizione di “piano locale dei tempi e degli orari” aderente alle esigenze manifestate e alle azioni attivate a cui aderiranno tutti i soggetti incontrati lungo il percorso fin qui svolto

Comune di Trevignano   -   Piazza Municipio, 6  -  31040 Trevignano   -   Provincia di Treviso   -   Telefono: +39 0423 6727   -   Fax: +39 0423 672800   -   info@comune.trevignano.tv.it   -   protocollo.trevignano@legalmail.it